Ἀριστοτέλης

A great city is not to be confounded with a populous one. | Non bisogna confondere una grande città con una città popolosa.

Simon and Garfunkel

The words of the prophets are written on the subway wall. | Le parole dei profeti sono scritte sui muri della metropolitana

Italo Calvino

Cities, like dreams, are made of desires and fears. | Le città come i sogni sono costruite di desideri e di paure.

Lewis Mumford

Forget the damned motor car and build the cities for lovers and friends. | Dimenticate la dannata auto e costruite le città per chi si ama e per gli amici.

Erri De Luca

A poetry book, is a city. | Un libro di poesie è una città.

21.11.14

Le parole del vincitore Francesco Segré - VIDEO




Con il suo cortometraggio di fiction “Non sono nessuno”, Francesco Segré si è aggiudicato il premio della giuria della terza edizione del nostro Festival. 

In questa intervista racconta l'origine del suo film e le emozioni provate al momento della vittoria. 

A Francesco, le nostre congratulazioni e a tutti i registi un ringraziamento per aver partecipato al SOUQ Film Festival 2014!




Non Sono Nessuno - Italia - Francesco Segrè – 2013 – 12' 
Ispirato a fatti realmente accaduti. In una Napoli notturna e disperata, il turno in ambulanza di tre paramedici si consuma senza sorprese. Sangue e sofferenza sono sempre degli altri finché una chiamata imprevista non li espone al pericolo in prima persona, portandoli a rischiare la loro stessa vita.



15.11.14

I vincitori 2014 del nostro festival - And the winners are...


l premio della giuria della terza edizione del nostro festival va a “Non sono nessuno” di Francesco Segré (nella foto sopra), quello del pubblico, invece, se l'è aggiudicato “Bis Gleich” di Benjamin Wolff: congratulazioni ad entrambi!

Non Sono Nessuno - Italia - Francesco Segrè – 2013 – 12' 
Ispirato a fatti realmente accaduti. In una Napoli notturna e disperata, il turno in ambulanza di tre paramedici si consuma senza sorprese. Sangue e sofferenza sono sempre degli altri finché una chiamata imprevista non li espone al pericolo in prima persona, portandoli a rischiare la loro stessa vita.




Bis Gleich - Germania / Usa - Benjamin Wolff – 2014 – 12' 
La muta relazione tra due anziani vicini di casa che condividono ogni giorno un rituale senza mai conoscersi davvero diventa più profonda quando si trovano a fronteggiare l'inevitabile... insieme. 



***

And the winners are...

Here are all the winners of the third edition of SOUQ Film Festival which ended Saturday evening in the beautiful setting of the Piccolo Teatro Grassi.

Prize of jury:

Non Sono Nessuno - Italy - Francesco Segrè – 2013 – 12' 

Audience award:

Bis Gleich - Germany / Usa - Benjamin Wolff – 2014 – 12' 
 


12.11.14

Ci siamo: venerdì e sabato vi aspettiamo al nostro Festival!



Gli ultimi preparativi, lo ammettiamo, sono ancora in corso. Ma tutto è praticamente pronto per dare il via anche alla terza edizione del nostro SOUQ Film Festival. 

Nel chiostro "Nina Vinchi", di via Rovello 2, grazie alla collaborazione col Piccolo Teatro di Milano, vi aspettano innanzitutto 19 corti, da tutto il mondo, per raccontarvi storie nuove e per farvi scoprire aspetti sconosciuti di quelle che già conoscevate.

Vi aspettano poi i registi. In tutto, quelli iscritti al nostro concorso sono di 12 nazionalità diverse. Alcuni di loro, italiani ma non solo, saranno presenti in sala, pronti a rispondere alle domande del pubblico. 

Vi aspettano anche una sposa un po' particolare e una giovane iraniana, SEPIDEH, che, al posto di lavorare la terra preferisce studiare l'astronomia. 

Vi aspettano, infine, Nicoletta Gandus, della Casa delle Donne di Milano, e il magistrato Francesco Maisto, per discutere insieme di quanto proiettato, in particolare dei temi legati ai due lungometraggi fuori concorso.

Insomma, non vi resta che controllare il programma con tutti gli orari, dare un'occhiata alla nostra pagina Facebook (magari invitando qualche amico) e uscire di casa, nonostante la pioggia: noi vi aspettiamo!





SEPIDEH, la ragazzina iraniana che vuole diventare astronauta sbarca al SOUQ Film Festival

 

Dopo "Io sto con la sposa", in programma sabato 15 alle 21.15, il secondo lungometraggio fuori concorso della nostra rassegna arriva direttamente dal Sundance Film Festival 2014

Venerdì sera, alle 20.30, sbarcherà infatti a Milano "SEPIDEH—Reaching for the Stars", documentario a firma di Berit Madsen, che racconta la storia di un'adolescente iraniana che vuole diventare astronauta. 

La proiezione sarà seguita da un dibattito sulla questione di genere animato da Nicoletta Gandus, ex magistrata e co-presidente della Casa delle Donne di Milano, che fa parte anche del comitato scientifico del SOUQ Centro Studi Sofferenza Urbana


3.11.14

Corti e orari di tutta la due giorni al chiostro Nina Vinchi del Piccolo Teatro Grassi


Si comincerà venerdì 14 novembre, al pomeriggio con la cerimonia d'apertura alle 16,30. Poi, subito il via alle proiezione con il primo gruppo di cinque corti, per arrivare fino all'orario di cena con pellicole dalla Russia e dall'Italia, su Rio de Janeiro e Gerusalemme. Quindi, in serata, alle 20.30, il primo lungometraggio fuori concorso, che verrà presto annunciato. 

Sabato 15 novembre, di nuovo tutti in sala a partire dalle 14.30: due sessioni, con una pausa di mezz'ora alle 16, per spaziare dagli Stati Uniti d'America all'Austria, da Londra a Dhaka, dai Balcani alla periferia milanese.  

Dalle 18 alle 20.30 una nuova pausa, per poi assistere alle premiazioni, con i riconoscimenti assegnati dalla giuria e dal pubblico. Infine, dalle ore, 21.15, gran finale con il film-caso di quest'anno, "Io sto con la sposa", che verrà proiettato alla presenza dei registi. 


Clicca qui per allargare l'immagine con il programma dettagliato




28.10.14

Official Selection Announced for the third edition of SOUQ Film Festival



The SOUQ Film Festival is honored to announce the official line-up for the 2014 event, taking place on November 14 and 15 at the Cloister of Piccolo Teatro Grassi, in Milan.

They are nineteen short films from different countries, focusing on prisoner’s justice, mental health, immigration and equality, to celebrate richness and diversity and promote a culture of inclusion and understanding.

The SFF list of selected films:
  • Baba Noël - France - Walid Mattar
  • Bis Gleich - Germany / Usa - Benjamin Wolff
  • Hombre Máquina - Spain - Roser Corella / Alfonso Moral
  • La Bi Ci - Italy - Giorgio Borgazzi
  • Le Voci Umane - Italy - Stefano Dei 
  • Mark - Uk - Matthew Hopkins
  • Mr Invisible - Uk - Greg Ash
  • No Place like Home - Uk - Gemma Atkinson / Fred Grace
  • Non Sono Nessuno - Italy - Francesco Segrè
  • Not Anymore: A Story of Revolution - Usa - Matthew VanDyke
  • Novemberlichter - Austria - Juergen Karasek
  • Odysseus' Gambit - Spain / Usa - Alex Loras Cercós
  • Rhythms of Resistance - Brasil / Canada - Jason O'Hara
  • Sea of Regrets - Uk -Matt Hopkins / Ben Lankester
  • Stand - Usa - Melanie D'Andrea
  • Star without a Name - Israel - Ariel Cohen 
  • The Characteristics of C-Minor - New Zealand - J.Ollie Lucks / Max Bellamy
  • The Rooftops of Jerusalem - Israel - Hana Elias
  • Zhanaozen: The Unknown Tragedy - Russia - Yulia Mazurova

Congratulations to all the filmmakers!

Please continue to follow us for more contents and updates regarding our films.

Tutti i corti selezionati per la terza edizione del SOUQ Film Festival




SOUQ Film Festival è lieto di annunciare i corti selezionati per la sua edizione 2014, che si terrà nel chiostro "Nina Vinchi" del Piccolo Teatro "Grassi" di Milano il 14 e 15 novembre,

Si tratta di diciannove pellicole, firmate da registi di dodici nazionalità differenti, dedicati a tematiche che spaziano dall'immigrazione alla salute mentale, dai diritti dei carcerati all'uguaglianza, per celebrare la ricchezza della diversità e promuovere una cultura di comprensione reciproca, inclusione e coesione sociale.

La lista completa dei cortometraggi selezionati per il SFF 2014

  • Baba Noël - Francia - Walid Mattar
  • Bis Gleich - Germania / Usa - Benjamin Wolff
  • Hombre Máquina - Spagna - Roser Corella / Alfonso Moral
  • La Bi Ci - Italia - Giorgio Borgazzi
  • Le Voci Umane - Italia - Stefano Dei 
  • Mark - Regno Unito - Matthew Hopkins
  • Mr Invisible - Regno Unito - Greg Ash
  • No Place like Home - Regno Unito - Gemma Atkinson / Fred Grace
  • Non Sono Nessuno - Italia - Francesco Segrè
  • Not Anymore: A Story of Revolution - Usa - Matthew VanDyke
  • Novemberlichter - Austria - Juergen Karasek
  • Odysseus' Gambit - Spagna / Usa - Alex Loras Cercós
  • Rhythms of Resistance - Brasile / Canada - Jason O'Hara
  • Sea of Regrets - Regno Unito -Matt Hopkins / Ben Lankester
  • Stand - Usa - Melanie D'Andrea
  • Star without a Name - Israele - Ariel Cohen 
  • The Characteristics of C-Minor - Nuova Zelanda - J.Ollie Lucks / Max Bellamy
  • The Rooftops of Jerusalem - Israele - Hana Elias
  • Zhanaozen: The Unknown Tragedy - Russia - Yulia Mazurova

Congratulazioni a tutti i registi!


Da Rio de Janerio a Dunedin, da Dhaka a Milano, da Napoli a Gerusalemme. Tutte le trame dei corti e le città che raccontano

Baba Noël - Francia - Walid Mattar – 2012 – 12'
Fed vive con la paura di essere arrestato e rimpatriato, arrangiandosi con qualche lavoretto nell'edilizia e occupando uno stabile con altri migranti irregolari. Un giorno, gli viene offerto un lavoro grazie al quale è sicuro di rimanere praticamente invisibile...

Bis Gleich - Germania / Usa - Benjamin Wolff – 2014 – 12'
La muta relazione tra due anziani vicini di casa che condividono ogni giorno un rituale senza mai conoscersi davvero diventa più profonda quando si trovano a fronteggiare l'inevitabile... insieme.

Hombre Máquina - Spagna - Roser Corella / Alfonso Moral – 2011 – 15' 
Una riflessione sulla modernità e lo sviluppo globale. Sulle persone viste come macchine. E sull'uso della forza fisica umana per migliorare le performance lavorative nel ventunesimo secolo. Il tutto ambientato a Dhaka, capitale del Bangladesh.

La Bi Ci - Italia - Giorgio Borgazzi – 2014 – 12'
In un’Italia in piena crisi, un impiegato prossimo al licenziamento si reca al lavoro in bici attraversando un hinterland milanese spettrale e deserto. Quando improvvisamente gli cade la catena della bici, si dovrà confrontare con l’unico uomo nei dintorni, un extracomunitario…

Le Voci Umane - Italia - Stefano Dei – 2013 – 12'
Attraverso le sole voci dei malati, il film mette in evidenza i cambiamenti avvenuti in Serbia a partire dagli anni successivi alla guerra dei Balcani fino ai giorni nostri sul tema della malattia mentale, dall’internamento in manicomio ai gruppi di auto aiuto.

Mark - Regno Unito - Matthew Hopkins – 2012 – 12'
Un solitario e trasandato anziano sembra invisibile al mondo che lo circonda. Ma, quando intraprende un viaggio nel cuore di Londra, l'invisibilità si rivelerà la più potente delle sue armi.

No Place like Home - Regno Unito - Gemma Atkinson / Fred Grace – 2010 – 5'
Una famiglia sull'orlo della distruzione, la poetica banalità dell'oppressione governativa in una quieta via di un sobborgo, le vittime dimenticate della guerra al terrore.

Non Sono Nessuno - Italia - Francesco Segrè – 2013 – 12'
Ispirato a fatti realmente accaduti. In una Napoli notturna e disperata, il turno in ambulanza di tre paramedici si consuma senza sorprese. Sangue e sofferenza sono sempre degli altri finché una chiamata imprevista non li espone al pericolo in prima persona, portandoli a rischiare la loro stessa vita.

Not Anymore: A Story of Revolution - Usa - Matthew VanDyke – 2013 - 15'
La storia della rivoluzione siriana raccontata attraverso le esperienze di due giovani, un miliziano ribelle e una giornalista, entrambi impegnati a combattere l'oppressione del regime per la libertà del loro popolo.

Novemberlichter - Austria - Juergen Karasek – 2012 – 12'
Manuel ha nove anni. I suoi genitori hanno divorziato e lui vive soprattutto con la madre che, però, preferisce prendersi cura del suo nuovo fidanzato. Senza contare che la sorella non perde occasione per sgridarlo. Vivere con suo padre sarebbe molto meglio, ma è sempre in ritardo. Una sera, però, Manuel perde l'ultimo autobus. A offrirgli un passaggio è uno sconosciuto con cui inizierà una pericolosa amicizia...

Odysseus' Gambit - Spagna / Usa - Alex Loras Cercós – 2012 - 12'
Una gambit è una mossa del gioco degli scacchi in cui si sacrifica un pedone nella speranza di raggiungere una posizione vantaggiosa. Il protagonista del film è un ragazzo statunitense di origini cambogiane che cerca il suo posto nel gioco, ricerca della mossa giusta per lui e la sua vita.

Rhythms of Resistance - Brasile / Canada - Jason O'Hara – 2013 - 12'
In vista dei Mondiali di calcio 2014 e delle Olimpiadi del 2016, l'amministrazione di Rio de Janeiro ha varato un controverso programma di pacificazione delle favelas. Poco dopo l'arrivo della polizia in quella di Cantagalo, il musicista di samba Cathola, che in quel luogo ha sempre vissuto, viene raggiunto e quasi ucciso da un colpo d'arma da fuoco esploso dagli agenti. La sua storia, e quella intima e personale del suo recupero fisico dall'incidente fino alla partecipazione ad una delle più importanti parate del carnevale della città, si unisce a quelle di altri artisti che combattono con l'arte e la musica la brutalità delle forze dell'ordine e l'esclusione sociale.

Sea of Regrets - Regno Unito -Matt Hopkins / Ben Lankester – 2011 – 8'
Il video musicale della canzone “Sea of regrets” degli I Like Trains segue il viaggio di un migrante dell'Africa subsahariana che, dopo aver attraversato l'Europa, affronta la sua ultima sfida, quella di raggiungere il Regno Unito. Con ogni mezzo possibile.

Stand - Usa - Melanie D'Andrea – 2013 - 12'
Il krump è un catartico rilascio di emozioni. É una forma di danza che sa essere aggressiva e rumorosa, ma che può diventare anche un intimo ritratto delle difficoltà di un individuo. In alternativa alla difficile vita di strada di Los Angeles, un gruppo chiamato Demolition Crew offre ai giovani un'isola felice in cui potersi esprimere proprio attraverso il krump. Stands segue la leader di questa crew, “Krucial the Liberator”, una ventiquattrenne di South Los Angels cresciuta a pane e kruml, che usa questo ballo per costruire una comunità più sicura e coesa in una zona della città nota per la sua violenza.

Star without a Name - Israele - Ariel Cohen – 2014 - 12'
Tra la vecchia e la nuova stazione dei bus di Tel Aviv, in Israele, nel ghetto dei migranti, le luci di un altro mondo tra le macerie. È qui che , Hamis Sako, un rifugiato sudanese, deve scegliere tra la sua vita e quella della sua famiglia.

The Characteristics of C-Minor - Nuova Zelanda - J.Ollie Lucks / Max Bellamy – 2014 - 12'
Un po' film biografico, un po' video musicale e un po' tributo alla bellezza gotica della città di Dunedin, in Nuova Zelanda, , The Characteristics of C- Minor racconta l'esperienza del pianista Nick Knox, la sua gioventù complessa e il suo riscatto attraverso l'arte.

The Rooftops of Jerusalem - Israele - Hana Elias – 2014 – 12'
Città santa, controversa e contesa. Le persone parlano di Gerusalemme in questo modo. Ma chi paga il prezzo di questa situazione? Mentre un gruppo di giovani palestinesi fa parkour sui tetti della città, un altra compagnia di ragazzi ebrei, che stanno celebrando la festività del Purim, interviene. Tutto quel che succederà non sarà altro che un'affermazione dell'intolleranza, una perdita di innocenza che tocca chi in questo conflitto ci è nato.

Zhanaozen: The Unknown Tragedy - Russia - Yulia Mazurova – 2013 - 12'

Il 16 dicembre 2011, uno sciopero dei lavoratori del comparto petrolifero a Zhanaozen, nell'ovest del Kazakistan, dopo mesi di resistenza, finisce nella repressione con decine di persone uccise dalla polizia nella piazza centrale della città. Una tragedia che, però, non ha mai attirato l'attenzione dei media internazionali.  

3.9.14

"Io sto con la sposa": dalla Biennale di Venezia a SOUQ Film Festival



“Io sto con la sposa” sbarca a Venezia. Il film auto-prodotto che racconta il viaggio di un finto corteo nuziale attraverso l'Europa per far arrivare in Svezia  un gruppo di profughi in fuga dalla guerra in Siria è stato selezionato, fuori concorso, per partecipare alla Mostra internazionale d'arte cinematografica 2014 e giovedì 7 settembre verrà presentato in anteprima al pubblico del Lido. Poi, inizierà, un lungo tour di proiezioni che porterà questo “film manifesto contro le frontiere e le morti in mare” anche all'edizione 2014 del nostro SOUQ Film Festival.

La rassegna di corti organizzata dal Centro Studi Sofferenza Urbana della Casa della carità, infatti, ha deciso di sostenere la raccolta fondi lanciata per la produzione di “Io sto la sposa” e, per questo, ospiterà la pellicola sabato 15 novembre, a Milano, come lungometraggio fuori concorso all'interno della terza edizione del festival (ore 21.15, come da programma). 


Prima di arrivare nella prestigiosa cornice del chiostro del Piccolo Teatro Grassi di Milano, però, “Io sto con la sposa” si appresta a far parlare di sé anche in laguna. Il cast, infatti, ha deciso di sfilare sul red carpet di Venezia con i “costumi di scena” e quindi con gli uomini in abito e le donne  in vestito bianco. “Il vestito da sposa è diventato nel nostro film il simbolo della libertà di circolazione delle persone” ha spiegato a RedattoreSociale uno dei registi, Antonio Augugliaro. “L’obiettivo è creare un white carpet per rimarcare che il nostro non è solo un film ma un’azione politica, ideata e mossa da un’esigenza personale e intima, da un senso di giustizia per i tanti migranti morti a causa delle leggi sull’immigrazione”.




Non solo, al termine della proiezione, i partecipanti andranno in riva al mare per un momento di commemorazione di tutte le vittime del Mediterraneo, delle frontiere e della migrazione. “È  importantissimo per noi che il film venga presentato a Venezia” ha continuato il regista. “Si tratta di una vetrina per parlare al grande pubblico dei drammi creati dalle frontiere, speriamo che sia l’inizio di un dibattito sull’immigrazione per evitare altre morti in mare”.

C'è poi la questione della raccolta fondi che ha consentito la realizzazione del film. “Io sto con la sposa” è stato prodotto grazie al contributo di 2.617 sostenitori dal basso, che hanno donato poco meno di 100mila euro. Una raccolta cui ha partecipato nel suo piccolo anche la nostra fondazione. 

“Per la prima volta – ha aggiunto Augugliaro – un grande festival come questo offre spazio a un lavoro che ha visto la luce grazie alla volontà di migliaia di persone con un crowdfunding che è il più grande della storia del cinema. È come se avessimo lanciato una petizione e lo stato ci avesse ascoltato”.

I profughi protagonisti del viaggio di “Io sto con la sposa”, cinque tra siriani e palestinesi residenti in Siria, sono gli stessi profughi ai quali la Casa della carità, da maggio, sta garantendo un'accoglienza temporanea a Milano, in convenzione con il Comune. La questione che il film affronta però non riguarda solo chi si lascia alle spalle una guerra o una dittatura, ma tutti i migranti. E non poteva certo lasciare indifferente la nostra Fondazione che, dal 2004, ha accolto 2.164 persone di 94 nazionalità differenti. Moltissime delle quali, per arrivare in Italia, hanno attraversato il Mediterraneo sui così detti “barconi della speranza”.

“Siamo stanchi di dividere gli esseri umani in legali e illegali. E siamo stanchi di contare i morti in mare” ha spiegato, sempre a Redattore Sociale, Gabriele Del Grande, giornalista da anni impegnato sul tema della migrazione e ora regista del film insieme a Augugliaro e a Khaled Al Nassiry. “Quelle persone non sono vittime della burrasca, ma di leggi europee alle quali è arrivato il momento di disobbedire per riaffermare il principio della libertà di circolazione”.

14 e 15 novembre: due date da segnare in rosso!


Stesso periodo. Stessa location. Ma temi, registi e opere nuove in arrivo a Milano per la terza edizione del nostro festival. 

L'appuntamento è per il 14 e il 15 novembre prossimi nel prestigioso chiostro del Piccolo Teatro Grassi, in via Rovello 2, come spiega la nuova locandina che sveliamo qui accanto per la prima volta. 

Nell'attesa di vedere nuovamente i corti targati SOUQ in città, è ancora possibile iscriversi al concorso su Whitoutabox: la data di scadenza è stata prorogata fino all'8 settembre.

Organizzato dal SOUQ, il Centro Studi Sofferenza Urbana della Casa della carità, il nostro festival è inserito quest'anno nelle iniziative organizzate per celebrare i dieci anni di vita della Casa stessa, inaugurata il 24 novembre 2004.

Submission

Whitoutabox